T-Blog

Evoluzione Pop Up.

Amazon rompe di nuovo le barriere dello shopping online e dà la possibilità di toccare e vedere i prodotti aprendo ufficialmente il primo pop-up store sul territorio italiano.

Lo store chiamato “Loft for Xmas” prenderà vita fino al 26 novembre approfittando del Black Friday, all’interno di una location di 500 mq in via Dante 14 a Milano.

All’interno del Loft for Xmas, accessibile a tutti, troveremo riprodotti vari ambienti di una casa, al cui interno potremo toccare con mano parte dei prodotti disponibili all’acquisto da Amazon. A fianco di essi saranno presenti dei QR code, grazie ai quali verremo reindirizzati alla pagine del prodotto per effettuarne l’acquisto. Si potrà scegliere la spedizione a casa o il ritiro presso i punti disponibili all’interno dello stesso palazzo, nel caso di disponibilità ovviamente.

I pop-up store sono una forma di vendita temporanea che negli ultimi 10 anni ha cavalcato le creste di onde diverse, evolvendosi in linea con le esigenze del consumatore. Nel corso degli anni abbiamo visto i pop-up crescere in durata e dedicare spazi sempre più ampi.

Tutto ciò non va visto come qualcosa di alternativo all’online, bensì come un’ulteriore opportunità: è infatti uno dei modi migliori per permettere agli e-shop di guadagnare fiducia da parte dei consumatori, i quali “testare” prodotti che normalmente possono solo vedere in modalità on-line.

Anche il settore fashion ha testato diverse soluzione di pop-up, abbiamo infatti visto pop-up “fisici”, ricavati all’interno di monomarca o boutique multibrand, oppure “virtuali”, come quello che Mytheresa.com ha creato per la collezione Valentino Candystud AI 2018 o, ancora, “ibridi”: come quello aperto da Zara in Corso Vittorio Emanuele a Milano, che permette al cliente solo acquisti virtuali (con spedizione a casa).

Quest’ultimo propone una serie di servizi integrati con quelli e-commerce di Zara, come l’acquisto, il ritiro, la restituzione dei prodotti venduti tramite il portale di shopping online, e tanto altro ancora. Non manca, naturalmente, una selezione in store dei capi di abbigliamento delle più recenti collezioni uomo e donna, realizzando così una ancor più perfetta integrazione tra l’offline e l’online.

Ad accomunare questi modelli 2.0 è la volontà di offrire un’esperienza di shopping unica e prodotti esclusivi, per accontentare una fetta di clienti (i Millennials e la Generazione Z) affamati di originalità e social oriented. Accrescendo, così, la propria brand identity on e offline.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 + tre =