T-Blog

Chi è veramente il General Contractor?

contraente-generale 2

Il “General Contractor” non sostituisce nessuna figura all’interno di un progetto ma affianca il cliente e l’architetto (o designer) nel suo sviluppo.

La sua attività principale è “Gestire il progetto” ovvero comprendere le esigenze del committente, sviluppare il progetto dialogando con lo studio di architettura, soddisfare requisiti economici, seguire cantiere, logistica, e servizio post-vendita.

Un imprenditore sa quanto è importante pianificare bene le strategie per il futuro, ad esempio quando il business prevede obiettivi più grandi, come aprire un punto vendita all’estero o sviluppare un nuovo format servono strutture in grado di gestire molteplici aspetti.

Ogni singolo dettaglio va definito in modo da rendere lo sviluppo del concept design e il suo miglioramento tecnico strumenti adeguati per finalizzare il progetto. In questo senso, la parte esecutiva diventa predominante sulla parte progettuale.

Nonostante la velocità abbia imposto anche in questo settore ritmi serrati, in futuro si andrà verso una personalizzazione sempre più accentuata, per questo serviranno sempre più aggregazioni, perché con il sistema del “General Contractor” è possibile sviluppare proposte chiave in mano attraverso una serie di servizi dedicati ad esigenze specifiche.

Esso funge infatti da coordinatore di tutte le altre professionalità che interverranno nel processo di costruzione, e ciò permette, oltre al risparmio dei tempi morti di attesa, anche un maggiore risparmio economico.

Il 2018 sarà un anno importante per il rilancio Retail.

newsamazongo

Nei scorsi anni abbiamo visto un mercato addormentato con gran parte degli investimenti spostarsi sull’e-commerce ma anche i big dell’e-commerce come Amazon e Alibaba investiranno nei negozi fisici.

Amazon si è resa conto che un modello basato solo sull’e-commerce non è sostenibile. Allo stesso tempo una maggiore digitalizzazione dei negozi fisici può portare enormi benefici non solo dal punto di vista economico ma anche per i clienti.

Oggi anche il rivale Alibaba, che durante il single day 2017 ha battuto ogni più rosea aspettativa di vendite, ha deciso di seguire la stessa strada grazie al supporto di Auchan, una “alleanza strategica” che prevede da parte del colosso cinese una spesa di 2,44 miliardi di euro per acquisire il 36% di Sun Art Retail Group. Quest’ultima è nata dalla fusione tra RT-Mart e Auchan, di cui detiene il 33% delle quote, e gestisce ben 450 ipermercati in Cina.

Perchè oggi la sfida del Retail, per l’immagine, è quella di costruire un’ambiente simile a quello di un app store on-line, un innovativo approccio nella combinazione tra il mondo on-line e gli spazi fisici.

L’importanza di affidarsi a un interlocutore unico.

slide-doha-skyline

Oggi in Qatar e in molti altri paesi ad affiancare le grandi organizzazione sono le cosiddette forniture chiavi in mano in cui l’azienda di arredo agisce essa stessa da contractor e realizza interamente il progetto per conto del cliente. dai rivestimenti agli arredi, dalle finiture agli impianti.

Si tratta di una tendenza ormai consolidata all’estero, ma che in Italia ha fatto più fatica ad affermarsi in quanto spesso si tende a confondere la parola contract con la semplice fornitura di prodotti.

Ma nel contract non si forniscono solo prodotti ma si realizzano interi progetti e i relativi servizi.

Affidarsi a un interlocutore unico, responsabile di ogni fase della ristrutturazione, dalla ideazione alla consegna dei locali, solleva di preoccupazioni e responsabilità e assicura i benefici di un lavoro di eccellenza svolto da un professionista competente.

Tecnoshops, leader nei settori Retail e Hospitality, dispone di uffici in Europa, Russia e medio oriente ed ogni località è stata selezionata servire un’area più vasta, in questo modo potrai contare su partner affidabile per i tuoi progetti futuri.

I pensieri legati all’acquisizione e all’impulso d’acquisto

037_RT8

“I pensieri legati all’acquisizione possono ampliarsi e spingerci a procurarci anche oggetti che non hanno niente a che fare con il cibo, pur sapendo che non soddisferanno il nostro appetito”.

Un tema già anticipato nel lontano 2005 dal nostro team di progettazione all’interno del pluripremiato progetto Bosco Bar, un locale di tendenza, proprio di fronte al Cremlino.

Da una delle due gallerie si accede alla zona lounge più intima e riservata, caratterizzata da un’intera parete in vetro che la separa dal negozio adiacente, permettendo agli ospiti di interagire con una situazione completamente diversa.

Una visione lungimirante per un concetto che viene riattualizzato nell’era digitale dove il Retail deve offrire come valore aggiunto la  possibilità di completare l’acquisto con soluzioni non presenti nel mondo on-line.

Retail ed E-commerce

Apple

Ciò che ho notato negli ultimi due anni e che se da una parte l’e-commerce corre a tutta velocità, dall’altra sono sempre più frequenti e richiesti i restyling per gli spazi commerciali.

Questo a significare che molti imprenditori hanno già capito che per competere con il Web serve un posizionamento Retail fresco, che offrirà come valore aggiunto la  possibilità di completare l’acquisto in ambienti esclusivi e di tendenza.

Un ostacolo che siamo riusciti a superare grazie a un grado sempre maggiore di flessibilità all’interno dei pacchetti offerti, attraverso architetti e tecnici che riescono ad assecondare le diverse esigenze di personalizzazione dei clienti.

Il club del lusso MAX LIFE sceglie Tecnoshops come eccellenza italiana

TS MAX

Oltre 500 boutique realizzate in tutto il mondo per i più prestigiosi marchi della moda e soluzioni tecnologiche innovative, questi sono gli elementi che hanno indirizzato la scelta verso un gruppo leader nella progettazione e realizzazione di spazi commerciali e privati.

Ecco le parole del fondatore Denis Giovanelli:

Nel corso degli anni ho aiutato grandi manager e professionisti a gestire progetti chiavi in mano di altissimo livello instaurando un rapporto di fiducia che prosegue da anni. E’ un onore entrare a far pare del gruppo Max Life ed essere riconosciuti come eccellenza italiana del contract.

Una storia lunga 30 anni che continua attraverso una visione sempre all’avanguardia nella gestione dei progetti.

Venezia in Qatar

Foto 26-09-17, 13 16 15

Vedere Venezia ricreata nei luoghi più esclusivi al mondo non é più cosa nuova, per questo a Doha hanno pensato bene di progettare il Mall più grande ed esclusivo di tutto il Qatar facendo passare un canale proveniente dal mare direttamente al suo interno.

Questo è sinonimo che l’Italia è ancora portatrice di stile in tutto il modo, peccato che questa volta non sia una nostra idea. :)

Tecnoshops.it
web: PluraleCom