T-Blog

Russia paladina dello sport.

russiamondiale

Prima le olimpiadi invernali di Sochi 2014, poi il campionato di F1 e Superbike ed infine i mondiali di Calcio 2018, la vincitrice indiscussa dello sport negli ultimi 4 anni è sicuramente la Russia.

L’immagine che ha dato di sé in questo mese e per quello che si è visto e letto è una bella immagine, di una nazione moderna e organizzata, capace di ospitare senza alcuna controindicazione una manifestazione sportiva come il Mondiale di calcio, hooligans autoctoni e stranieri compresi.

Ora che la Russia ha accesso i riflettori su città meno note come Kaliningrad ed Ekaterimburg si continua con il turismo, riprendono le (altro…)

Ecco perché’ i brand italiani sono attratti dal mercato francese.

Foto 28-05-18, 16 44 11

La Francia è il più grande paese dell’Unione Europea con un mercato di 68 milioni di abitanti ed esercita una grande attrazione per tutti quei Brand italiani che desiderano aprire un negozio all’estero per espandere il proprio Business verso nuovi mercati.

Tra questi, nomi noti come Alberta Ferretti e Moschino, hanno già colto le opportunità offerte dal mercato francese, infatti, a breve, vedranno aprire una nuova e rinnovata boutique multipiano nella famosa Rue Saint Honoré interamente seguita e realizzata dal team Tecnoshops.

Ma quali sono i motivi per cui un retailer dovrebbe prendere in considerazione la Francia? Cosa la rende un terreno così fertile per il Retail? (altro…)

Nel retail rispettare la data di apertura è fondamentale. Ecco come fare.

Foto 28-05-18, 16 44 02

Durante lo sviluppo di un progetto il tempo è sempre poco tra il lavoro, le cose da fare e gli imprevisti.

Molto spesso i clienti ci chiedono di mostrargli la metodologia che usiamo per rispettare le tempistiche, organizzare il lavoro e rispettare le priorità: ciò è fondamentale per un’ottimale gestione del progetto.

Noi di Tecnoshops, ad esempio, consideriamo la gestione del tempo un fattore primario nello sviluppo di progetto, a tal punto da aver creato una vera e propria filosofia diventata negli anni un punto di riferimento nel mercato Retail.

Di seguito, vogliamo condividere alcuni passi fondamentali, ovvero una lista di cose da fare per assicurarti che il lavoro sia fatto nei (altro…)

3 cose che devi sapere per aprire o rinnovare in Russia.

1024px-Moscow_GUM_indoor_gallery

Chi lavora in Russia sa perfettamente che ci sono tantissimi costi nascosti che vengono sottovalutati al momento della realizzazione del business plan e che fanno perdere tempo ed energie (e quindi soldi) inaspettati. Qualche esempio? Se avete un lavoro di ristrutturazione da effettuare sappiate che la maggior parte delle volte non vengono rispettati né costi (già alti) né tempistiche (già lunghe).

Il brand deve supportare il “local partner” anche nell’ipotesi di una gestione del tutto indipendente, affinché l’arredamento e l’allestimento risultino in linea con gli standard qualitativi imposti.

Ecco allora 3 cose che dei sapere per aprire in Russia: (altro…)

Arredare con il contract, si! Ma di che tipo?

contract living

L’edizione 2018 del salone del mobile si è appena conclusa con tantissime novità e oltre 2000 espositori che hanno presentano progetti capaci di intrecciare design, tecnologia, flessibilità e sostenibilità.

Un’edizione incredibile capace di raccogliere oltre 300mila visitatori provenienti da 165 Paesi diversi e giunti a Milano per visionare le ultime tendenze nel mondo dell’arredamento e non solo.

Si tratta di una vetrina internazionale che mette sotto i riflettori nuovi prodotti e nuovi listini pronti ad arredare ambienti in tutto il mondo.

Ma in che modo? (altro…)

Il retail è cambiato! Oggi esistono nuove figure a supporto di brand e designer per progettare in modo sicuro e veloce.

Foto 01-06-16, 04 04 34

Lo studio di un nuovo concept è un’operazione molto complessa che consente alle aziende di focalizzarsi sui fattori determinanti per creare condizioni favorevoli al loro business senza rischiare di sbagliare.

Negli ultimi anni, stiamo assistendo ad una vera propria diminuzione dei tempi di progettazione per lo sviluppo di un punto vendita.

La rincorsa all’ultimo minuto per aggiudicarsi gli spazi più ambiti e la necessità di ridurre i giorni persi di mancato incasso ha costretto i progettisti a lavorare in tempi sempre più stretti.

In uno scenario professionale sempre più complesso la compresenza di un approccio creativo, come quello di designer e architetti e di competenze manageriali e gestionali, rappresenta oggi un indubbio vantaggio competitivo.

Nella nuova dimensione del Retail non è più possibile isolare le fasi progettuali da quelle esecutive! (altro…)

Quando un franchising prevede lo sviluppo di numerose aperture mantenere la qualità è fondamentale.

5WparwIlAtSZW0tcWbK2NHEZJC7

Anche “Ray Kroc” interpretato da Michael Keaton nel film “The Founder”, mostra come i fratelli Dick e Mac avevano tentato in passato di ampliare i propri punti vendita McDonalds ma fallendo perché incapaci di salvaguardare gli standard qualitativi negli altri ristoranti.

Un problema che è sempre esistito nel franchising e che non coinvolge solo gli standard di prodotto ma anche quelli relativi alla realizzazione degli spazi che puntano ad essere sempre riconoscibili e avere tutti lo stesso arredamento.

Non sempre infatti le politiche aziendali di un franchising obbligano l’affiliato ad acquistare gli arredi da aziende convenzionate, molto spesso l’acquisto rimane a carico di quest’ultimo che si deve impegnare a strutturare, arredare e allestire sia l’interno che l’esterno del proprio punto vendita secondo gli standard e le procedure tecniche, organizzative e commerciali specificate dall’affiliante.

Ma come è possibile quindi ottenere il controllo della qualità? (altro…)

Sviluppare un Retail di successo. Ecco come fanno i grandi brand!

_MG_7037

Nel Retail sono diversi i momenti chiave per sviluppare un brand di alto livello.

Bisogna, infatti, tenere in considerare molti fattori oltre al design. La maggior parte dei progetti che, insieme al mio team, ho seguito negli anni, ha avuto più o meno successo in dipendenza dal fatto che sia stata fatta una corretta valutazione iniziale.

L’internazionalizzazione, ad esempio, non può essere considerata un’attività da affrontare con leggerezza ed approssimazione. Per questo, è indispensabile predisporre, al fine di valutare con molta attenzione, le azioni che si vogliono intraprendere.

Prima di agire concretamente consiglio di pianificare una strategia che tenga conto di alcuni elementi fondamentali, come: (altro…)

Aprire o rinnovare in Russa. Ora è il momento giusto!

images-of-red-square-moscow-russia-at-night-St_-Basils-Cathedral

L’economia russa ha ripreso slancio alla fine del 2017, con una crescita del Pil dell’1,6 per cento, e un’espansione del 2,5 per cento del settore agricolo, come ha cominicato il presidente Vladimir Putin, l’11 gennaio, dicendo che la cosa “ispira ottimismo”. E il governo confida in un’ulteriore crescita.

Dopo un biennio di recessione, che tra il 2015 e il 2016 ha visto il valore del rublo in caduta libera sotto la spinta delle sanzioni in risposta alla crisi Ucraina, il 2017 ha segnato la ripresa delle esportazioni in Russia. Gettando le fondamenta per un 2018 di ulteriore crescita.

Tra gennaio e settembre 2017, secondo le elaborazioni del Centro Studi di Sistema Moda Italia, le esportazioni di prodotti tessili e di abbigliamento verso la Russia sono cresciute del 10,8% in valore, superando i 790 milioni di euro, e del 2,2% in volume. Merito dell’abbigliamento moda, che sta trainando la ripresa: il settore nei nove mesi ha messo a segno un +13,3% in valore, a 693,4 milioni di euro.

Per molti brand è giunto quindi il momento di aprire o aggiornare il proprio punto vendita.

Ma qual è la giusta strategia da attuare? (altro…)

La crescita della vendita online non vuol dire la fine dei negozi tradizionali.

retail-ecomm-112316

La guerra alla convenienza (di prezzo, ma anche di orari di apertura) con l’eCommerce è persa in partenza, la battaglia deve essere fatta sul campo della differenziazione, ovvero offrendo prodotti e servizi non disponibili online e difficilmente simulabili dall’intelligenza artificiale.

Ma allora cosa possono fare in più i Retailers dove il mercato on-line non può competere?

  1. Stimolare la visita nel punto vendita attraverso ambienti esclusivi e di tendenza.
  2. Assistere il cliente ad alto livello e offrire privilegi esclusivi.
  3. Differenziare i prodotti e i servizi in base alla localizzazione.

Continuare a gestire i progetti con i sistemi tradizionali è sicuramente più comodo, ma questo sistema può veramente soddisfare le esigenze di domani?

Il negozio non è più un semplice spazio dove fare acquisti, ma anche magazzino, manifesto pubblicitario e centro formativo per la prossima generazione di consumatori.

Oggi la finalità del retail è ottimizzare l’integrazione tra negozio e digital commerce per formare una realtà unitaria. (altro…)

Tecnoshops.it
web: PluraleCom