T-Blog

Le nuove tendenze architettoniche per il 2021.

 

E’ già stato detto molto sulle tendenze dell’interior design per il 2021, ora è il momento di parlare delle tendenze architettoniche che presto definiranno l’aspetto e la disposizione delle nuove case ed appartamenti. Oggi, prevale l’armonia tra esterno ed interno ed è importante trovare una soluzione che corrisponda pienamente al proprio umore e alle tendenze attuali.

Come il 2020, il 2021 si concentra su nuove ed inedite tecnologie, elementi architettonici durevoli e dal basso impatto ambientale. Torneranno in primo piano l’utilizzo di materiali di riciclo, fonti energetiche alternative e la massima attenzione per l’ambiente.

Ma ora vediamo meglio le sette tendenze architettoniche che conosceremo più da vicino nella prossima stagione:

 

1- La magia dello stile industriale.

Lo stile industriale in architettura ha avuto origine negli anni ’40 tra le metropoli americane, in cui edifici industriali abbandonati venivano spesso donati per alloggi in affitto. All’inizio, vivere in tali edifici sembrava qualcosa di opprimente ed estremo. Tuttavia, nel tempo, la bohème di New York ha trovato in loro vantaggi incondizionati, come ampi spazi aperti, eccellente luce naturale e soffitti alti. A poco a poco, tali alloggi sono diventati incredibilmente alla moda e le loro caratteristiche hanno creato una vera e propria tendenza.

Lo stile industriale di oggi è più flessibile ed intimo del passato e quindi facilmente adattabile a case private di qualsiasi dimensione. Le tendenze moderne verso il laconicismo e la compatibilità ambientale hanno permesso a tali edifici residenziali di essere tra i più popolari, tanto più che le loro caratteristiche sono perfettamente riconoscibili:

  • linee nette e forme spigolose.
  • perfetta simmetria e tetto piano.
  • ampie finestre panoramiche, possibilmente con vetri reticolari.
  • elementi architettonici esterni, balconi, terrazze, aree lounge, garage.
  • massima apertura dei sistemi di comunicazione.
  • materiali naturali leggermente ruvidi per la decorazione di facciate: mattoni, cemento, vetro, metallo, legno, pietra

2- Il Minimalismo fa un passo avanti.

Il rifiuto di eccessi e pretenziosità portava già attorno agli anni ’50 -’60 a fare molta attenzione all’architettura per evitare l’accumulo eccessivo di elementi. Possiamo dire che oggi il minimalismo vive un nuovo ciclo di popolarità grazie ai suoi tratti caratteristici in sintonia con il desiderio diffuso di funzionalità e armonia:

  • forme rigorose, prevalentemente cubiche e strutture modulari multilivello.
  • terrazze aperte e verande intorno all’edificio.
  • fondazione basse e finiture monocromatiche dei pilastri.
  • materiali per la decorazione esterna: cemento, pietra, metallo, vetro, piastrelle di ceramica, pannelli compositi.
  • finestre panoramiche senza sbarre, vetrate istoriate e plateau, pareti divisorie e pareti in vetro.
  • toni neutri chiari e sfumature vicine al naturale: bianco, beige, grigio, marrone dorato, verde naturale.

3- Eco-style e soluzioni green.

Negli ultimi anni, gli architetti hanno lavorato attivamente per implementare l’idea di eco-sostenibilità. Così si è formata una vera simbiosi tra l’uso attivo di soluzioni naturali e un atteggiamento più rispettoso nei confronti dell’ambiente. Nell’architettura dei nuovi edifici, questo appare come segue:

  • sviluppo attivo di tecnologie di inverdimento delle facciate utilizzando impianti residenziali sia sul piano verticale che su quello orizzontale.
  • l’uso di materiali riciclati e naturali nella decorazione e nella costruzione.
  • produzioni più tecnologiche, materie prime e attrezzature più rispettose dell’ambiente.

4- Ricostruzione e restauro di vecchi edifici.

Questa tendenza non può essere definita rivoluzionaria poiché si è già sviluppata attivamente negli ultimi dieci anni. Eppure, gli architetti promettono di prestare la massima attenzione alla ricostruzione nel 2021. Il restauro di edifici residenziali e industriali vecchi e abbandonati ci consente di risolvere diversi problemi nel mondo moderno:

  • una diminuzione del tasso di sviluppo eccessivo delle aree residenziali.
  • conservazione del valore culturale e del codice architettonico della città.
  • riduzione del livello di inquinamento ambientale dovuto alla maggiore efficienza ecologica della ricostruzione rispetto alla costruzione dal ciclo zero.

Inoltre, gli esperti hanno notato l’affidabilità e la loro disposizione interessante. Il loro restauro consente di fornire a molti non solo alloggi belli ma anche veramente durevoli.

5- Tecnologie per la casa intelligente.

Nell’era della funzionalità e della preoccupazione per la natura, i sistemi di “casa intelligente” vengono alla ribalta. I dispositivi intelligenti forniscono una ventilazione di qualità, un comodo controllo dell’illuminazione e degli elettrodomestici e, naturalmente, la massima sicurezza, creando un’oasi accogliente e high-tech per i proprietari di case.

Anche un’altra cosa è essenziale, tali sistemi sono incredibilmente efficienti nella regolazione del consumo energetico, particolarmente prezioso per le persone attente all’ambiente.

6- “Passive House”: le tecnologie per il risparmio energetico come tendenza architettonica.

Se parliamo di tendenze ultra-attuali in architettura, le case passive o le eco-case saranno sicuramente in cima alla lista dei risultati. Tali edifici residenziali mirano a ridurre il più possibile il consumo di energia, principalmente riducendo la perdita di calore dell’edificio. Un effetto simile può essere ottenuto utilizzando le seguenti tecniche:

  • compattezza ed equilibrio delle proporzioni esterne ed interne dell’edificio.
  • isolamento efficace e di alta qualità.
  • eliminazione dei ponti freddi nelle unità e nei materiali.
  • pianificazione attentamente ponderata e zonizzazione efficace.

In linea di principio, un’eco-casa ideale non richiede nessun costo nel raffreddamento e nel riscaldamento dell’aria a una temperatura confortevole. Si presume che le persone e gli elettrodomestici forniscano calore e soluzioni architettoniche equilibrate forniscano il raffreddamento.

7- Outdoor: una particolare attenzione agli spazi aperti.

Nel 2021, gli architetti si propongono di garantire un’esperienza outdoor più confortevole, e quindi elementi come verande, balconi, terrazze e cortili assumono un significato speciale. Il loro design dovrebbe ricevere la stessa attenzione degli interni, inoltre, è necessario garantirne il funzionamento tutto l’anno. Per questo vengono utilizzate vetrate panoramiche e parziali accuratamente progettate, sofisticate protezioni solari e aria condizionata, oltre a materiali ad alta resistenza climatica.

Conclusioni.

Per i prossimi anni, le tendenze del design architettonico invitano a non isolarsi dalla natura, ma a sentire un’unità senza precedenti con l’ambiente senza dimenticare il proprio comfort e l’armonia interiore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattordici − 10 =