T-Blog

Moda e motori. 5 esemplari esclusivi firmati dalle griffe del lusso.

L’industria automobilistica e l’industria della moda hanno qualcosa in comune.

Di tanto in tanto capita di assistere a delle collaborazioni che danno vita ad alcune edizioni limitate di luxury car e non solo.

Le vetture più prestigiose entrano nel garage dei collezionisti, altre fanno semplicemente parlare di se ed aumentano l’attenzione verso il brand.

Vediamo 5 esempi più riusciti degli ultimi tempi:

Fiat 500 “Bulgari” _ 2020

Fiat ha collaborato con la casa di design italiana Bulgari con la loro prima auto completamente elettrica ed ha chiamato questo modello “mai troppo”. Bulgari ha conferito il suo fascino alle linee retrò della 500. La scintillante vernice Imperial Zafferano è stata ispirata dai colori della città natale di Bulgari: Roma. La finitura lucida è ottenuta fondendo speciali polveri d’oro, i preziosissimi scarti provenienti dallo stabilimento Bulgari di Valenza. Nella parte anteriore, hai il distintivo ‘500’ e la targhetta ‘Bulgari’. Si dice che le ruote d’oro emulino i raggi del sole.

Le cose diventano molto artistiche quando entri. Il cruscotto è ricoperto di sete pregiate con motivi della ricca eredità italiana di Bulgari. Il logo incastonato di diamanti sul volante è realizzato con pietre preziose: ametista, citrino e topazio.

La 500 Bulgari “Mai troppo” è stata venduta all’asta nel mese di giugno con il ricavato devoluto a una delle organizzazioni ambientaliste di Leonardo DiCaprio.

 

Bugatti Chiron “Hermès” _ 2019

L’auto probabilmente più esotica della lista, questa macchina è un esemplare unico, costruita per il magnate immobiliare californiano e collezionista di supercar Manny Koshbin.

Era un devoto fan di entrambe queste aziende, quindi ha pensato che fosse meglio unire le nostre forze per realizzare questa hypercar unica. Il rivestimento è realizzato su misura, motivo per cui qui è possibile scoprire molti particolari che non vedremo in nessun altra Chiron come il tetto in vetro.

BMW “Kith” _ 2020

La divisione M di BMW ha collaborato con Kith per lanciare la BMW M4 con il marchio Kith.

Basata sulla M4 Competition standard, l’edizione Kith è alimentata da un motore a 6 cilindri in linea biturbo da 510 cavalli abbinato a una trasmissione automatica a 8 velocità che distribuisce la potenza su tutte e quattro le ruote. Questa collaborazione è stata limitata a sole 150 auto e tutte sono vendute.

La BMW M4 Competition Coupé in edizione limitata ottiene la targhetta Kith sul cofano, sul bagagliaio e anche il tetto dell’auto in fibra di carbonio (optional). L’interno vede i poggiatesta, il bracciolo, la console centrale e il battitacco con il logo Kith.

Tuttavia, gli abbellimenti di buon gusto di Kith e il design aggressivo di M4 rendono questa macchina meravigliosa.

 

Maybach “Virgil Abloh” _ concept 2021

Non tutti i progetti prendono vita, alcuni rimangono un sogno. Cosi Mercedes ha voluto rendere omaggio a Virgil Abloh, scomparso improvvisamente, attraverso una showcar eclettica, per certi versi estrema. La metafora su quattro ruote di un dialogo ego-progressista sul design di lusso.

Lussuosa e coriacea. Ma la peculiarità forse più interessante di questa show car, al di là delle sue dimensioni titaniche, quasi sei metri, e delle sue caratteristiche tecnologiche, è proprio quel contrasto tra l’armonia dei lussuosi elementi di design Mercedes-Maybach con quelli più inusuali, smaccatamente off-road, come le barre portatutto sul tetto stile raid, la fanaleria supplementare o le piastre di protezione sotto scocca.

Lamborghini Aventador S “Yohji Yamamoto” _ 2020

La livrea è ricca di dettagli particolari, con un mix di tonalità di rosso, nero e bianco. Questi sono gli stessi colori e disegni che lo stilista utilizza per i propri capi d’abbigliamento. Ed è proprio questo a renderla un esemplare unico.

Allo stesso modo, anche gli interni offrono un gioco di colori rosso-nero, con tessuti speciali e motivi selezionati dalla collezione di vestiario. Da notare, sia dentro che fuori, i logogrammi in giapponese sparsi per la carrozzeria, i sedili e la plancia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 − quattro =